Book Review: Un buon presagio, Gillian Flynn

Uno dei thriller più belli che abbia letto negli ultimi anni è Gone Girl – L’amore Bugiardo: quel colpo di scena a metà libro che sconvolge tutte le carte in regola, se ci ripenso, ha ancora la capacità di lasciarmi a bocca aperta. Molti hanno tentato di riprendere quella formula, ma pochi hanno saputo farlo bene come la Flynn. Gone Girl non è solo un thriller mozzafiato, ma anche un romanzo psicologico con pochi eguali. Ovviamente subito dopo ho recuperato tutte le opere della scrittrice fino ad adorarla letteralmente. L’uscita di Un buon presagio (Rizzoli, €12), racconto di poco più di 50 pagine, era quindi un appuntamento che non potevo assolutamente perdermi!

Piccola premessa: parliamo di un racconto scritto su “commissione”, richiesto dal  collega George R. R. Martin (Il Trono di Spade) per l’antologia Rogues.

unbuonpresagio

Un buon presagio, Gillian Flynn

Rizzoli, €12

La incontriamo in un piovoso mattino d’aprile, nel bugigattolo dove legge l’aura a signore fragili di nervi, dispensando loro consigli e previsioni. Di lei non conosciamo il nome, sappiamo solo che è una giovane donna intraprendente, scaltra, cresciuta da una madre bizzarra e spesso assente, e che fin da bambina è stata abituata a vivere di espedienti, a escogitare ogni giorno un modo per tirare avanti. Quando nel piccolo locale entra Susan Burke, bionda, bella, occhi azzurri e ben vestita, da una analisi veloce la nostra “sensitiva” si convince che si tratta dell’ennesima signora benestante e infelice, in cerca di emozioni forti. In realtà Susan è lì per chiedere aiuto: nella vecchia casa dove vive con la famiglia si verificano fatti inquietanti. Fiutato l’affare, la truffatrice si propone per una “purificazione” dell’ambiente domestico a base di spargimenti di sale, erbe da bruciare e formule pseudomagiche. Nel varcare la soglia della sinistra casa vittoriana, però, si rende conto che qualcosa davvero non va, e l’incontro con il figliastro di Susan non fa che confermare le sue impressioni. Miles è un quindicenne indecifrabile, dal comportamento disturbato e violento, capace con le sue storie di creare nuove realtà. Ma sono davvero soltanto storie, le sue? In presenza di Miles nulla è come sembra, verità e invenzione si sovrappongono e si mescolano fino a confondersi.

La narratrice non ha nome, è una protagonista al femminile che, come nella migliori tradizione dell’autrice, è tutt’altro che perfetta. Fin qui, nulla di nuovo. La parte interessante è che in questo racconto la Flynn strizza l’occhio al tema soprannaturale, anche se in Un buon presagio non è un racconto horror, bensì un piccolo giallo all’ennesima potenza. L’ambiguità permea le pagine di questo racconto e, come al solito, ci possono essere tante versioni quanto i protagonisti degli eventi.

Si legge in pochissimo tempo, sia perché è scritto molto bene ed è dannatamente scorrevole, sia perché è veramente corto, e forse questo è il più grande difetto: la storia quando inizia ad ingranare è già finita.

Da leggere per tutti coloro che, come me, amano l’autrice, ma anche per chi vorrebbe iniziare a conoscerla a piccole dosi. Un buon presagio intriga e la narrazione è un’escalation di eventi che alla fine ti lascia con quella voglia di saperne di più, peculiarità unica che hanno solo i grandi storyteller.

Ps: la copertina è bellissima, d’altronde quando mai Rizzoli delude?

Book Review: Ti darò il sole, Jandy Nelson

Per inaugurare il blog voglio parlarvi di uno dei libri più belli che abbia avuto la fortuna di leggere negli ultimi anni. Sto parlando di Ti darò il sole di Jandy Nelson, edito in Italia da Rizzoli.

La mia storia con questo libro inizia in realtà circa un anno fa: ero in vacanza a Madrid e, in giro per Gran Via mi sono imbattuto in una libreria e- ovviamente come mio solito – non ho potuto non entrarci. Tra i libri esposti ho visto questo I’ll Give You The Sun: lo so che un libro non si giudica dalla copertina, ma è stato amore a prima vista. Una piacevolissima sorpresa quindi vederlo finalmente arrivare in Italia e non ho potuto che acquistarlo il giorno di uscita!

sun

Ti darò il sole, Jandy Nelson

Rizzoli, €17,50

Solo un paio d’ore dividono Noah da Jude, ma a guardarli non si direbbe nemmeno che sono fratelli: se Noah è la luna, solitaria e piena di incanto, Jude è il sole, sfrontata e a proprio agio con tutti. Eppure i due gemelli sono legatissimi, quasi avessero un’anima sola. A tredici anni, su insistenza dell’adorata madre stanno per iscriversi a una prestigiosa accademia d’arte. Tecnicamente è Noah ad avere il posto in tasca – è lui quello pieno di talento, il rivoluzionario, l’unico che nella testa ha un intero museo invisibile – e invece in un salto temporale di tre anni scopriamo che è Jude ad avercela fatta, ma anche che i due fratelli non si parlano più, che Noah ha smesso di dipingere, che si è normalizzato, e che Jude si è ritirata dal mondo che tanto le calzava a pennello. Cos’ha potuto scuotere il loro legame così nel profondo? In un racconto a due voci e a due tempi, Noah e Jude ci precipitano tra i segreti e le crepe che inevitabilmente si aprono affacciandosi all’età adulta, ma anche nelle coincidenze che li risospingono vicini, laddove, forse, il mondo può ancora essere ricucito.

Personalmente l’ho divorato in poco più di due giorni: un libro bellissimo e che si legge tutto di un fiato. Così come la copertina, la storia è permeata di colori: un vero e proprio tripudio caleidoscopico che accompagna la vita dei due protagonisti. Loro, due gemelli, sembrano l’uno l’opposto dell’altra ma che finiscono, invece, per essere due anime in un corpo solo. Noah è timido, introverso, un outsider; mentre Jude è solare, popolare ed audace – finché qualcosa non cambia e predono l’uno il posto dell’altro. Noah abbandona la sua vocazione e diventa il classico belloccio popolare tra le ragazze, mentre Jude mette da parte gli abiti colorati e inizia ad allontanarsi e fuggire da tutti. Ti darò il sole racconta il viaggio di questi due adolescenti: da una parte ci sono i capitoli in cui Noah racconta la loro vita a tredici anni, dall’altra la versione di Jude una volta diventati sedicenni. Le due visioni si incontrano in un fatale crescendo di emozioni e, mi ripeto ancora, colori. Sto cercando di rivelarvi quanto meno possibile, perché è una lettura illuminante dove nulla è lasciato al caso, dove tutti gli avvenimenti si incastrano perfettamente e dove ogni personaggio che costella la vita dei due protagonisti ha un ruolo ben preciso.

I personaggi sono i grandi protagonisti e l’autrice è talmente brava che sembrano uscire fuori dalle pagine. E non parlo solo di Noah e Jude, ma anche di tutti quelli “comprimari”. Attraverso questo racconto a due voci, i nodi vengono al pettine un po’ alla volta: pensi di avere una determinata visione dei fatti, di odiare un personaggio e poi nel capitolo successivo vedi l’altro lato della storia, e così continuando un po’ alla volta fino all’epilogo. Il tutto abilmente fortificato dallo stile dell’autrice: la Nelson ci immerge nel mondo che ha costruito così come un artista, attraverso le sue pennellate, fa con la sua opera.

Bellissimo, toccante, emozionante in ogni fibra del suo essere: un’esplosione di colori pastello. Un viaggio caleidoscopico indimenticabile.

Ovviamente sono andato ad informarmi sull’autrice e ho visto che ha pubblicato un altro romanzo, The Sky Is Everywhere, edito in Italia da Fazi nel 2011, ma che purtroppo al momento risulta introvabile  (ho provato a recuperarlo attraverso la libreria presso cui lavoro – yes, I’m a librarian!, vediamo un po’ se riesco nell’impresa).